Ingegneria Finanziaria, il caso Pirelli-Camfin

Suscita ancora curiosità e polemiche il caso Pirelli Camfin. A poche ore dalla chiusura dell’Opa, 13 settembre 2012, gli animi non si placano. Consob continua le indagini sul prezzo dell’Opa su Camfin promossa da Lauro 61, newco partecipata da Marco Tronchetti Provera, Unicredit, Intesa Sanpaolo e famiglie Acutis, Rovati. Il caso è scoppiato quando è stato contestato il prezzo di 0,8 euro corrisposto a Malacalza per i titoli Camfin ceduti. Secondo le accuse tale prezzo sarebbe stato ribassato per agevolare l’acquisto da parte della newco che, d’altro canto, respinge recisamente le accuse.

Singolare però è l‘ulteriore manovra finanziaria compiuta dalla famiglia di imprenditori genovesi che, contestualmente, sono riusciti ad acquistare quote della Pirelli. Si parla di un interessante 6,98% venduto da Allianz e Fondiaria Sai, che secondo quanto sostengo i ben informati, avevano già espresso informale desiderio di uscire dalla holding. Le quote sono state acquistate quindi da Malacalza per 7,8 euro per azione, un prezzo piuttosto conveniente, – 12,5% rispetto al prezzo di chiusura della giornata che era stato di 8,915 euro.

Tutte queste operazioni hanno destato non pochi sospetti e le accuse non mancano. Si palesa lo spettro di un accordo segreto tra i due rivali finanziari Tronchetti Provera e Malatesta, ma naturalmente le parti citate in causa negano adducendo motivazioni abbastanza plausibili. Anche La Repubblica, entrata in contenzioso con Tronchetti Provera, ipotizza una sorta di scambio di azioni Camfin Pirelli.

Tronchetti Provera e Unicredit avrebbero così promosso la vendita a prezzo ribassato delle azioni Pirelli da parte di Allianz e Fondiaria Sai a favore di Malacalza Investimenti, che ora partecipa dunque direttamente in Pirelli, con l’unico scopo di mantenere più basso il costo dei titoli dell’Opa. Un ragionamento macchiavellico e tanto intricato ma che, a mente fredda, corrisponderebbe a un semplice “do ut des”. Gli organi preposti dovranno quindi stabilire se e quanto ci sia di vero in queste ipotesi e nel caso prendere i giusti provvedimenti.

Formazione online agenti immobiliari

Una delle professioni più in voga in questi ultimi anni, assieme all’assicuratore, è certamente l’agente immobiliare.

Vi chiederete perché e la risposta è molto semplice, praticamente chiunque può diventarlo, non è una professione che necessiti di una conoscenza tecnica elevata e vi offre la possibilità di guadagnare buon denaro anche in poco tempo se vi dimostrerete capaci nella vostra professione. Riuscire però a vendere una casa o anche solamente ad affittarla in un periodo di crisi come questo non è certamente tra le cose più facili che si possano trovare però certamente il mercato si muove e può essere sfruttato, visto che l agente povera è certamente sempre più povera, ma in ogni caso la gente ricca continua ad esserci e di conseguenza anche il mercato immobiliare si muove di continuo.

Grazie ad Internet ora seguire un corso per divenire agente immobiliare è anche più semplici e si potrà imparare a divenire mediatori di un affare immobiliare in poco tempo e stando comodamente a casa propria. I corsi professionali durano in media dai 2 ai 6 mesi, in realtà però la Rete offre la possibilità di seguire corsi anche di solo 80 ore. Comunemente i giovani dinamici e che abbiano voglia di farsi vedere sono i soggetti migliori. Attraverso i corsi si imparerà la legislazione in merito alla professione stessa di mediatore, basi del diritto civile, di diritto tributario, si affinerà la conoscenza di contabilità generale e anche di ragioneria, oltre a studiare i mercati e le merci e basi di carattere socio-economico. La fine del corso sarà l’esame finale alla Camera di Commercio, per poi poter esercitare la professione.

La reinvenzione dell’area garibaldi Varesine

Ambizioso e nello stesso tempo rivoluzionario è stato il progetto di riqualificazione e trasformazione di un’enorme area fatiscente di Milano, che va dalla zona Garibaldi a Varesine.

Ma è stato portato a termine con successo ed entro i tempi previsti. Si tratta di una serie di aree che per anni sono state abbandonate e che abbracciano almeno 350.000 metri quadrati della superficie della città. E si trovano proprio nel cuore di Milano.  Il giovane ingegnere Manfredi Catella è stato l’uomo che si è occupato dell’impresa titanica,  trasformando questa parte fatiscente del centro di Milano, su incarico dell’amministratore delegato di Hines Italia, da zona degradata a dinamico centro di sviluppo d’avanguardia. Il duomo del business è stata battezzata questa costruzione.

La visione d’insieme dell’area è oggi omogenea, multifunzionale, organica ed esteticamente di enorme impatto. Sono stati investiti oltre due miliardi di euro nel progetto, ma la scommessa è stata vinta. Del resto la Hines, celebre società di intermediazione immobiliare, famosa in tutto il mondo, non ha mai sbagliato uno dei suoi 680 progetti realizzati sul pianeta.

Dopo aver unificato i vari rami di proprietà dell’immensa area e  portato a termine un difficoltoso e complesso progetto avveniristico, si è trattato di realizzarlo nella pratica. Non è stato facile organizzare il lavoro proprio al centro di Milano, usufruendo di pochissimo spazio a disposizione e con le aspettative e le pretese dell’ingegnere Catella, ma il lavoro complessivo è stato organizzato nei minimi dettagli.

Ad un’armoniosa edilizia privata si affiancano ora le essenziali attività culturali, gli uffici regionali e comunali e le nuove strade e aree verdi che hanno ridisegnato il volto di Milano.

 

Un evento mondano per vendere casa, all’americana: a chi rivolgersi ?

Nel campo della vendita o dell’affitto di abitazioni, accade sempre più spesso anche in Italia un fenomeno già ben noto in America ed in Gran Bretagna: organizzare un apposito evento per mostrare la casa ai possibili acquirenti.

Il padrone di casa provvederà ad offrire un rinfresco ed allo stesso tempo coinvolgerà gli ospiti in una visita della propria abitazione, fornendo informazioni in modo più piacevole ed informale rispetto alle classiche visite a cui si è abituati.

Ovviamente si tratta di un evento che richiede un investimento monetario, per cui va organizzato alla luce dell’ottimizzazione in termini di risultati. Come ottenere però un simile risultato?

Esiste da poco anche in Italia un servizio molto comune nei paesi anglofoni, e cioè l’home staging. In sostanza, esso è un servizio personalizzato attraverso il quale la casa viene sistemata nel modo migliore possibile affinché ne vengano messi in luce i lati migliori.

Qualora si voglia infatti seguire un modello di vendita “all’americana”, è opportuno rivolgersi ad uno specialista che ne sappia vedere le prospettive e le qualità più appetibili per un acquirente: una prima ricerca può essere fatta su siti specializzati come OrganizzazionediEventi.com o StagedHomes.it . Modificare l’ubicazione di mobili, eliminare suppellettili superflui, riordinare uno spazio od aggiungere un dettaglio come una tenda o uno specchio possono costituire momenti importantissimi per rendere più piacevole il vostro spazio abitativo.

Ciò che può venir considerato in prima impressione un lavoro semplice, è in realtà frutto di una grande esperienza: si sa che vivere a lungo in un ambiente ne soggettivizza la percezione e impedisce di coglierne le vere qualità oggettive, soprattutto alla luce di una presentazione ad estranei e quindi di una vendita. Di conseguenza, soltanto un occhio allenato ed esterno potrà compiere le operazioni di riorganizzazione che tale lavoro richiede.

Una presentazione adeguata del proprio immobile permetterà non soltanto di risparmiare il tempo necessario a trovare il giusto acquirente, ma soprattutto fa conseguire l’ulteriore vantaggio di incrementare la valutazione economica della propria abitazione.

 

 

Il boom dei siti di recensioni turistiche

La rete, in questi anni, si è confermata strumento dalle mille potenzialità, indispensabile per chi necessità di accedere a notizie complete in un lampo. Nel settore del turismo l’avvento del web 2.0 ha coinciso con il boom dei motori di ricerca: dai siti dedicati alla ricerca di voli low cost arrivando ai siti finalizzati alla ricerca di un hotel le schiere di raccoglitori e comparatori di servizi sono cresciute smisuratamente negli anni, divenendo una realtà acquisita e alternativa all’agenzia di viaggi tradizionale.

Ma il web non smette di stupire e l’evoluzione ci porta verso nuovi orrizzonti, unendo il diletto alla divulgazione e lo scambio di informazioni, anche nel campo del turismo: nascono i Social Travelling.

Il fenomeno dei Social Travelling si presenta sulla rete italiana qualche anno fa e si conferma, ad oggi, in continua ascesa.
Si tratta di communities a tema, che mettono insieme gli amanti dei viaggi.
Gli utenti possono riportare le proprie esperienze di viaggio, scambiarsi consigli su itinerari o trovare compagni di avventure.
I Social Travelling diventano così strumenti preziosi per chiunque voglia essere sicuro di scegliere la tappa giusta, senza poi imbattersi in cattive sorprese; o per chiunque abbia in mente una destinazione e voglia dividere le spese con qualcuno.

I siti si presentano come diari di viaggio, dove è possibile recensire mete turistiche, hotel e b&b, aggiungendo foto e lasciendo consigli agli altri visitatori. In molti di questi, attraverso un motore di ricerca interno, è anche possibile, selezionando la città, cercare alloggi, ristoranti o voli.
Una sorta di consulenza sempre a portata di mano.

Alcuni esempi sono rappresentati da siti quali MatchTrip, che con una grafica intuitiva e accattivante, consente agli utenti di interagire attraverso un programma di messaggistica privata, offrendo la possibilità di fare nuove amicizie con persone che condividono lo stesso amore per i viaggi; o Tripwolf, attraverso cui è possibile mettere insieme una rete virtuale di compagni di avventure, con i quali poter condividere esperienze e indicazioni; o Planely, interessante risorsa che permette, inserendo il numero del nostro volo, o la prenotazione del nostro albergo, di conoscere chi ci siederà accanto in aereo o con chi condivideremo parte del nostro viaggio.

Come è cambiato il mercato immobiliare con l’avvento del web marketing

Il mercato immobiliare è sempre stato molto importante, soprattutto in un paese come il nostro in cui è molto diffuso il pensiero che il “mattone” sia l’unico investimento sicuro.

Naturalmente però da qualche anno a questa parte internet ha modificato in maniera sostanziale anche il mercato degli immobili.

Difatti adesso la tendenza per chi compra, vende, cerca una casa in affitto o la propone è quella di utilizzare per prima cosa la rete, e non è un trend solo deigiovani e giovanissimi, ma anche di una cospicua percentuale di persone comprese tra i 40 e i 55 anni.

Internet si rivela un ottimo strumento per la ricerca di diverse soluzioni abitative, e inoltre permette di confrontare proposte differenti, valutare in pochi click prezzoposizione e stato di un edificio o di un alloggio.

Certo è che nella quasi totalità dei casi gli acquirenti utilizzano il web unicamente per una scrematura iniziale delle possibili offerte, e concludo l’affare solo dopo aver visitato personalmente l’immobile da loro scelto e aver trattato con l’agenzia o il privato dal vivo.

Questo comportamento è comprensibile, anche perché solitamente l’acquisto e la vendita d’immobili portano al movimento di somme di denaroconsiderevoli, e la rete non ha raggiunto un grado di affidabilità sufficiente per far sentire sicure le parti interessate da queste transizioni. Inoltre la grande maggioranza di chi cerca una casa tende a volerla vedere di persona, poiché foto e video spesso non riescono a dare un idea realistica dell’ambiente.

Certo è che la prima impressione ormai avviene quasi sempre online. Quindi gli agenti immobiliari e i privati si stanno specializzando sempre di più nel costruirepagine accattivanti e che invoglino gli utenti a richiedere ulteriori informazioni. Gli adetti del settore si trovano così a dover costruire annunci che caturino l’attenzione in pochi secondi.

Senza dubbio requisito fondamentale per considerare ben costruito un annuncio sono le foto e i video. Nella norma devono essere presenti le foto di tutti gli ambienti, per ottenere una buona resa è meglio avere due o tre foto di ogni stanza e magari un breve video che permette di fare un tour virtuale dello stabile.

Inoltre la qualità deve essere discretamente alta, poiché foto pessime possono far sembrare gli ambienti peggiori di quello che sono.

Le agenzie inoltre tendono sempre più spesso ad allargare il loro bacino di utenza sfruttando i siti di annunci, che però utilizzano molto il sistema dei feedback per il posizionamento dei risultati, dunque internet ha anche portato una maggiore componente meritocratica nel mercato degli immobili, poiché i venditori che maggiormente riescono a soddisfare le richieste dei clienti si trovano più facilmente in testa alle ricerche.

Quindi anche i compratori sono spesso avvantaggiati data la maggior offertaanche se come spesso accade nel marketing una maggior offerta può esserepericolosa, poiché può portare ad un abbassamento della qualità.

Nel caso in cui siate anche voi in cerca di un modo nuovo di vendere o comprare vi consigliamo di visionare questi siti di immobili, considerati tra i più affidabiliti e con maggior visibiltià:

http://www.casa.it/

http://www.casaclick.it/

http://www.immobiliare.it/

http://www.solocase.it/

 

4 Crociere imperdibili

Che cosa rende una crociera imperdibile? Ciascuno potrebbe dare la propria versione per quanto riguarda il possibile scenario a cui ogni giorno vorrebbe assistere alla scoperta di paesaggi e culture nuove, senza rinunciare all’intimità o alla compagnia, alla comodità e perché no a un pizzico di lusso e tantissime comodità. Le principali compagnie di navigazione ormai offrono rotte ed itinerari per qualsiasi angolo del mondo, per cui andiamo a considerare le mete più cercate o più spettacolari, sparse in tutte le parti del pianeta, lasciando poi a chi vorrà il piacere di approfondire su siti specializzati come il ben rifornito TuttoCrociere.

Una meta molto bella, che in più può essere vissuta per gran parte dell’anno grazie alle condizioni climatiche, è quella che punta dritta verso i Caraibi o le Barbados, con la possibilità di poter fare anche qualche piccola deviazione verso le Bermuda. In questo angolo di mondo caratterizzato da spiagge e acque bellissime, non mancano le escursioni in villaggi caratteristici o dentro alle bellissime riserve naturali (marine e non), con in più la possibilità di fare visita anche a resti archeologici di grande fascino. Particolarmente attiva sulla rotta è la Royal Caribbean, che sfrutta per le crociere la sua nave migliore e la più grande al mondo: la Allure of the Seas che fa base a Fort Lauderdale, in Florida. E’ possibile usufruire di pacchetti molto vantaggiosi comprensivi anche del viaggio con l’aereo, trasferimenti da e per l’aeroporto e soggiorni negli hotel ove previsto dall’organizzazione.

Un’altra tipologia di crociere imperdibili, può esser considerata quella attraverso i fiordi, con le mete che portano anche a vedere il passaggio delle balene, conoscendo le coste meno note ma estremamente belle dei Paesi scandinavi, ma anche dell’Islanda e del nord della Gran Bretagna. Questo genere di crociere è particolarmente adatto a chi ha spirito di avventura e ama conoscere bellezze paesaggistiche del tutto nuove. In queste zone è possibile trovare sia compagnie di navigazione minori (ma che hanno partenze sempre sui porti locali), o le grandi compagnie di navigazione che per le crociere di durata superiore a 15 giorni, consentono di partire anche da porti più vicini, come quelli nel Mediterraneo. Tra queste ultime può essere considerata la MSC crociere.

Una zona estremamente versatile è quella del Mediterraneo e non a caso qui operano tutte le più importanti compagnie di navigazione internazionali. La scelta può andare dalle mini crociere, alle classiche rotte verso le isole greche. Tuttavia se si è in cerca di qualcosa di veramente particolare, allora si possono prendere in considerazione le rotte verso la Turchia e le coste nelle meno note coste dei Paesi dell’est con il viaggio verso il Mar nero. Questo genere di mete permette anche di usufruire di numerose proposte last minute e low cost. Molto prolifica in questa direzione è la Costa crociere.

Infine ci sono le crociere transoceaniche che non sono per tutte le tasche, ma che rappresentano la scelta più ambita e forse veramente imperdibile per eccellenza. La durata di questi viaggi è molto variabile, anche in funzione del numero di tappe previste. Una compagnia specializzata è la Cunard, che garantisce il giusto mix tra lusso e comodità, attenzioni e svago garantito nei lunghi giorni di sola navigazione.

I 4 Casinò imperdibili d’Italia

Casino Campione d'Italia
Casino Campione d'Italia

Al fine di agevolare il turismo, soprattutto nelle località italiane più rinomate, diversi schieramenti politici hanno avanzato, in questi ultimi anni, la proposta di creare una casa da gioco in ogni regione. Ma dal momento che, per diversi motivi, tale ipotesi non è mai stata effettivamente presa in considerazione, non ci resta che dedicare la dovuta attenzione ai casinò presenti sulla nostra penisola, dimenticando quelli che verranno e lasciare che chi non vuole viaggiare si rivolga ai soliti siti di casino online e poker online.

In Italia sono presenti ben quattro casinò, tutti situati al nord, il più celebre dei quali è, almeno nel resto del mondo, il Casinò di Venezia che si affaccia sul famoso Canal Grande. Ma vediamoli tutti e quattro nello specifico.

Casinò di Campione d’Italia

Ufficialmente inaugurato nel 1917 e poi chiuso nel 1919 a causa del divieto al gioco d’azzardo, il Casinò di Campione d’Italia ha riaperto definitivamente i battenti nel 1933. Il casinò offre, oltre alle slot machines, la roulette, il chemin de fer, il baccarà, il black jack e il poker per un totale di 30 tavoli da gioco. Nel 2007 è stata inaugurata negli spazi adiacenti alla vecchia struttura, la nuova sede del casinò, progettata dall’architetto svizzero Mario Botta.

Casinò de la Vallée

Il Casinò de la Vallée noto anche come Casinò di Saint-Vincent fu inaugurato nel 1947 con l’obiettivo di incentivare il turismo nel paese. Il casinò offre innumerevoli giochi francesi e americani come il black jack, il chemin de fer, la roulette sia nella variante francese che americana, il poker Texas Hold’em, il punto banco, ecc. Naturalmente non mancano neanche le iniziative mondane e culturali.

Casinò di Sanremo

Il Casinò di Sanremo, inaugurato nel 1905 con il nome Kursaal, aprì ufficialmente i battenti nel 1928 ma durante la seconda guerra mondiale, precisamente nel 1940, fu chiuso con decreto ministeriale e riaperto poi definitivamente il 31 dicembre 1945. Oggi il Casinò di Sanremo dispone di 500 slot machines distribuite in 6 diverse sale, di quattro sale dedicate ai giochi da tavolo tra cui la Sala De Santis destinata ai soli amanti del Poker Texas Hold’em, e di due sale private riservate invece ai grandi tornei nazionali e internazionali, agli incontri di burraco e naturalmente a meetings e buffets.

Casinò di Venezia

Nonostante Venezia possa vantare la casa da gioco più antica del mondo, fondata nel lontano 1638, il Casinò di Venezia non vide la luce prima del 1946. Questo casinò ha due distinte sedi: quella storica di Ca’ Vendramin Calergi offre i giochi tradizionali con carte e le roulettes, mentre quella moderna di Ca’ Noghera, inaugurata nel 1999, mette a disposizione dei clienti le slot machines e i principali giochi americani e francesi.

Prezzi bassi sul mercato immobiliare: il momento per un mutuo ?

Nonostante l’andamento attuale del mercato lasci presagire una scarsa idoneità all’accensione di un mutuo, le circostanze riguardanti questa tipologia di finanziamento necessitano di un’analisi approfondita.

I dettagli tecnici riguardanti i mutui inducono a presupporre che attualmente tali movimenti siano tutt’altro che convenienti: lo spread applicato ai mutui, dal quale viene successivamente ricavato il Tasso Annuo Nominale, infatti, presenta valori particolarmente elevati, di alcuni punti percentuali superiori alla norma; contrariamente a quanto appena considerato, tuttavia, è importante ricordare che il mutuo cresce, o vicendevolmente diminuisce, in maniera direttamente proporzionale al valore dell’immobile: questo significa che, pur dovendo elargire un quantitativo d’interessi piuttosto considerevole, il mutuo casa può comunque rivelarsi conveniente, a patto che l’immobile che si intende acquistare venga immesso sul mercato ad un prezzo ragionevole.

Qualora così non fosse, il cliente dispone di un mezzo alquanto efficace, atto a tutelare gli interessi del consumatore; tale strumento si risolve nell’elevato potere di negoziazione del quale il cliente gode. Richiamando quanto sopra descritto, periodi di crisi analoghi a quello attuale impongono  ai venditori di suddividersi in due categorie ben distinte: da una parte, coloro che scelgono di aspettare un momento più propizio, e dall’altra, quei soggetti che, al fine di cedere un immobile, sono disposti a ridurre notevolmente il prezzo originariamente stabilito. Prendendo in considerazione ciò che può convenire all’acquirente, perciò, risulta ovvio di quanto la seconda categoria di venditori corrisponda al gruppo sul quale è opportuno riversare la propria attenzione.

Prendendo in esame il solo prezzo dell’immobile, perciò, è possibile dedurre che l’epoca attuale corrisponda a quella più adatta per accendere un finanziamento dell’entità di un mutuo. Analizzando la faccenda da una prospettiva più ampia, tuttavia, è opportuno considerare tutti i fattori riguardanti questa delicata sezione finanziaria. Facendo riferimento al Tasso Annuo nominale, le banche europee stanno mostrando una sostanziale carenza nei controlli inerenti il legame tra l’andamento dei tassi d’interesse e le transazioni reali: qualora tale elemento venisse monitorato con maggiore regolarità, l’accensione di un mutuo apparirebbe improvvisamente come più sicura, e di conseguenza anche più accessibile. Coesistenza tra trasparenza e costi ragionevoli: quando tale condizione avrà modo di verificarsi, sarà giunto il momento ideale per accendere un mutuo. Tale inclinazione, inoltre, permetterà di intravedere un totale ripristino dell’economia.

Ristrutturazione casa: la scelta di infissi e serramenti finestre di qualità

La scelta di infissi e serramenti per porte e finestre, è molto importante per  la ristrutturazione o l’acquisto di una casa o di un immobile in generale. Infatti la scelta non deve avere solo un fine estetico, tale scelta influirà anche sul risparmio energetico e sulla sicurezza della casa o dell’attività commerciale o di qualunque edificio. Diventa quindi fondamentale che la scelta venga effettuata tenendo conto anche delle qualità e delle funzionalità, sia  in termini di sicurezza che di trasmissione termica.

Se la scelta nasce in condizioni di normalità l’ideale è confrontarsi con il quadro generale dell’offerta, ditte specializzate nella riparazione.
Coloro che subiscono un’intrusione forzata in casa, subiscono un grave choc e quasi sempre il danno che si deve affrontare, non è solo da un punto di vista materiale, ma piuttosto psicologico. Infatti chi ha dovuto sopportare un furto, vede violata la propria casa, qualcosa di veramente intimo e personale.
Le dotazioni standard di infissi e serramenti di finestre e porte, non sempre prevedono una solida sicurezza, per tanto è bene fare la scelta adeguata, anche con un costo superiore rispetto a quelli di capitolato, pur di avere tale sicurezza. E’ fondamentale che gli >infissi delle finestre, abbiano almeno due punti di chiusura e preferibilmente in acciaio, in modo da rendere più difficile l’apertura della finestra quando è chiusa.

Per una maggiore protezione dalle infrazione, è importante che gli allestimenti di sicurezza dei serramenti delle finestre e delle porte, abbiano degli ulteriori punti di chiusura di sicurezza, posti lungo tutto il perimetro del serramento, in modo da rendere impossibile il sollevamento della finestra stessa. Un altro accorgimento molto importante è l’utilizzo di vetri di sicurezza accoppiati, così da poter prevenire lo sfondamento degli stessi.

Tenete presente che i vetri  di sicurezza accoppiati per gli infissi delle finestre, sono anche molto utili per l’isolamento acustico e termico, oltre a ridurre notevolmente il pericolo di lesioni in caso di rottura della lastra. Gli infissi e serramenti per finestre e porte/finestre, dovrebbero avere inoltre, la caratteristica di una perfetta tenuta che non permetta il passaggio di aria ed eviti le infiltrazioni. Quando si costruisce un’immobile è fondamentale l’utilizzo di materiali che abbiamo un basso valore di trasmittenza termica, in modo ridurre al minimo la dispersione di calore.

 

 

Page 3 of 41234